Terapia conservativa

L'odontoiatria conservativa è una branca dell'odontoiatria restaurativa che si occupa della cura dei denti cariati, delle procedure per l'eliminazione della carie e di quelle relative alla chiusura delle cavità risultanti dall'eliminazione dello smalto e della dentina cariata, tramite l'uso di appositi materiali.


La terapia conservativa consiste nella ricostruzione in metallo(amalgama) oppure in resina composita o in resina/ceramica della parte dell'elemento dentario distrutto in precedenza dal processo carioso.
Le resine composite o gli intarsi in resina/ceramica sono più estetici; nella maggior parte delle volte le otturazioni richiedono un unica seduta e gli intarsi necessitano di due sedute. La terapia conservativa è rivolta quindi alla conservazione del dente e consiste nel ricostruire il tessuto dentale andato perso in seguito a carie o a trauma, per la ricostruzione estetica dei denti.

Le carie possono essere superficiali o profonde. Nel primo caso ci si limita ad asportare parte della dentina cariata e dello smalto interessato dalla carie, otturando il dente con appositi materiali. Le amalgame di argento ormai sono state sostituite dai materiali compositi poiché le loro caratteristiche adesive permettono una preparazione della cavità cariosa meno ampia rispetto all'uso dell'amalgama di argento che richiedeva cavità dalle caratteristiche particolari perché fossero ritenitive. Nelle carie profonde vi può essere l'interessamento della polpa e allora si ricorre alla cura canalare detta anche devitalizzazione.